Casa » NAUTICA NEWS *** » ARMADA confisca 40 Yolas TRAVEL SERVE ILLEGALE a Puerto Rico

ARMADA confisca 40 Yolas TRAVEL SERVE ILLEGALE a Puerto Rico

El comandante general de la Armata domenicano, Vice Ammiraglio Enrique Peña Miguel Acosta, Egli ha rivelato che in questo mese di novembre hanno sequestrato 40 barche, a grupos de traficantes de illegale un Porto Rico.

Peña Acosta ha riferito che attraverso un lavoro congiunto con la Direzione nazionale per il controllo della droga (DNCD), tale istituzione ha partecipato al sequestro di dieci tonnellate di cocaina in mare, Dominicana gruppi stranieri e trafficanti di droga, che hanno cercato di utilizzare il paese come un ponte.

El alto jefe militar dijo que aunque Porto Rico atraviesa por una difícil situación luego del paso del huracán María, muchos dominicanos siguen cayendo en poder de individuos que se dedican al tráfico de illegale, non solo rischiando la vita in mare, ma perde le risorse che investono.

"Noi continuiamo a chiamare queste persone per evitare di essere portato via da questi individuo il cui unico scopo di accumulare denaro da altre, porque además de que no van a buscar nada a Porto Rico, Rischiano la vita in mare e mai più recuperare il denaro versato per i mafiosi, Peña Acosta ha detto.

El comandante expresó que en las últimas semanas han tenido que enfrentar mucha presión por intentos de salida de viaggio illegale un Porto Rico desde Samaná, Miches, Higuey y Sabana de la Mar, che ha costretto il raddoppio della sorveglianza in quei luoghi.

“Hemos tenido que disponer de una mayor presencia de miembros de la Armata en esos lugares, pese a que hemos logrado el desmantelamiento de muchos grupos que traficaban con personas a Porto Rico”, Enrique Peña ha detto Miguel Acosta, quien manifestó al mismo tiempo su satisfacción por el apoyo que recibe la Armata del Ministerio Publico.

Peña Acosta è stato intervistato ieri al San Souci Apostadero, dai giornalisti OGGI, en el acto de lanzamiento de la Operación Costar, cerca, Con il Ministero dell'Ambiente e Faraj Fondazione, la compensazione dei fiumi Ozama e Isabela, rispettivamente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

WP Facebook Auto Pubblica Offerto da : XYZScripts.com